Search   You are here:  MISSIONI  
      

Francesco.jpg

 
 Cominciate col fare
ciò che è necessario,
poi ciò che è possibile.
E all'improvviso
vi sorprenderete 
a fare l'impossibile.   
 
Attribuita a S. Francesco d'Assisi
   
  
      

   
  
      

- Per il 5 per 1000 il codice fiscale della nostra ONG-ONLUS PUNTO DI FRATERNITA' è: 95027620103 - ULTIMO AGGIORNAMENTO 29 novembre 2016

   
  
 Text/HTML    

AFRICA/CENTRAFRICA - Un missionario: “Le bande armate si stanno ricostituendo; speriamo nell’intervento dei Caschi Blu”

Bangui (Agenzia Fides)- “Qui a Bozoum non ci sono problemi, so che ve ne sono stati più a nord” dice all’Agenzia Fides, p. Aurelio Gazzera, carmelitano, parroco a Bozoum, nel nord-ovest della Repubblica Centrafricana, nell’area dove è stata saccheggiata la missione cappuccina di Ngaoundaye (vedi Fides 16/6/2016). A questo proposito p. Aurelio dice di aver contattato i missionari di Ngaoundaye che gli hanno detto “di aver avuto paura, ma che ora sono abbastanza tranquilli”. “A quel che so - continua p. Aurelio - il gruppo di Seleka che è entrato nella missione ha rubato un po’ di cose, soprattutto cibo, ma non ha fatto molti danni. Per fortuna sono arrivati i Caschi Blu dell’ONU e i Seleka hanno abbandonato il villaggio”.
Se l’episodio di Ngaoundaye appare meno grave di quanto sembrava in un primo momento, allo stesso tempo p. Aurelio sottolinea che “da più di due mesi nella nostra zona ci sono forti tensioni per la presenza di bande armate che si stanno ricostituendo, senza che i Caschi Blu intervengano. Speriamo che ora ci sia una maggiore presenza dei soldati dell’ONU per garantire la sicurezza di tutti” conclude il missionario. (L.M.) (Agenzia Fides 17/6/2016)

   
 Stampa   
      

 

 

AFRICA/CENTRAFRICA - Depredata la missione cappuccina di Ngaoundaye

Bangui (Agenzia Fides)- La missione cappuccina di Ngaoundaye, nel nord-ovest della Repubblica Centrafricana, è stata depredata. “Ieri, 15 giugno, un gruppo di Seleka, è arrivato a Ngaoundaye, sono entrati nella cucina della missione, mentre diverse persone, tra missionari e abitanti del posto, si sono rifugiati nelle stanze” racconta all’Agenzia Fides p. Francesco, del Centro Missioni Estere dei Frati Cappuccini del Convento di San Bernardino di Genova, che è in contatto con i padri Cappuccini di Ngaoundaye.
“I Seleka erano alla ricerca di cibo e per fortuna non hanno fatto vittime nella missione” dice il religioso. “Alla missione sono ora senza viveri, perché tutta la dispensa è stata depredata. I Seleka si sono installati nella sede della gendarmeria e un frate intende recarvisi per chiedere di ottenere un po’ di cibo”. “La situazione nel villaggio rimane incerta, mentre sembra che anche nella vicina Bozum vi sia una situazione di caos” dice p. Francesco.
Secondo altre fonti missionarie, delle quali omettiamo il nome per ragioni di sicurezza, i Seleka, avrebbero affermato di aver compiuto l’incursione nel villaggio di Ngaoundaye, per vendicarsi di quanto avvenuto l’11 giugno. Quel giorno un gruppo di Seleka (gli ex ribelli che avevano preso il potere nel 2013 per poi essere cacciati dai cosiddetti anti Balaka, un altro gruppo armato), volevano passare per il villaggio con una mandria di buoi per recarsi nel vicino Camerun. I gendarmi di Ngaoundaye hanno cercato di bloccarli. Nella sparatoria che ne è seguita diversi Seleka sono rimasti uccisi.
“Il ciclo di violenze in Centrafrica potrà fermarsi solo se si disarmano le diverse bande e gruppi che ancorano imperversano nel Paese” conclude p. Francesco. (L.M.) (Agenzia Fides 16/6/2016)

   
 Stampa   
 News Feeds (RSS)    
   
 Stampa   
 ONG PDF ONLUS    
 
   
  
      
Il modo di essere missionari,
la testimonianza di vita evangelica,
l'amore ai poveri,
la povertà vissuta,
compiono continui miracoli di beneficenza.
E finchè ci saranno tali uomini,
il mondo non dovrà perdere
la speranza di salvarsi.
 
Papa Giovanni XXIII
 
   
  
 UsersOnline    
Persone Online Persone Online:
Visitatori Visitatori: 18
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 18

Online adesso Online Adesso:
   
  
 LETTURE    

   
  
      
   
  
CHI SIAMO:MISSIONI:MISSIONARI LIGURI CIAD-RCA:CALENDARIO ATTIVITA':FORMAZIONE e ANIMAZIONE:VIDEO
Copyright (c) 2009 Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy